Dolci regali – un dono maestoso

Quest’anno solo dolci regali.

Nel senso di doni zuccherati? Certo, ma anche nel senso di preparazioni zuccherine per regnanti, nobili, sovrani, aristocratici e quant’altro.
In fondo, un libro rimane sempre uno dei più bei regali che si possano fare. Questo, che è il terzo libro dell’MTChallenge, parla proprio di dolci preparati per personaggi iper blasonati, ed è bellissimo e molto interessante leggerne la storia ed i retroscena.

Un libro da regalare anche a chi non è particolarmente appassionato di cucina, perché è scritto bene, scorrevole, ed anche divertente. Non per nulla è curato, con la cultura e la maestria che la contraddistinguono, dall’amica Alessandra Gennaro (per avere un’ideuzza di ciò di cui è capace, visitate questo blog)

Insomma, il libro ve lo consiglio senza il minimo dubbio. Per regalarlo, ma anche per voi, perché sarà fonte di ispirazione a tutto tondo.

Lo trovate QUI: Dolci regali

 

Acquistando una copia di DOLCI REGALI, contribuirai alla creazione di borse di studio per i ragazzi di Piazza dei Mestieri (link: http://www.piazzadeimestieri.it/), un progetto rivolto ai giovani oggetto della dispersione scolastica e che si propone di insegnare loro gli antichi mestieri di un tempo, in uno spazio che ricrea l’atmosfera di una vecchia piazza, con le botteghe di una volta- dal ciabattino, al sarto, al mastro birraio e, ovviamente, anche al cuoco. La Piazza dei Mestieri si ispira dichiaratamente a ricreare il clima delle piazze di una volta, dove persone, arti e mestieri si incontravano e, con un processo di osmosi culturale, si trasferivano vicendevolmente conoscenze e abilità: la centralità del progetto è ovviamente rivolta ai ragazzi che trovano in questa Piazza un punto di aggregazione che fonde i contenuti educativi con uno sguardo positivo e fiducioso nei confronti della  realtà, derivato proprio dall’apprendimento al lavoro, dal modo di usare il proprio tempo libero alla valorizzazione dei propri talenti anche attraverso l’introduzione all’arte, alla musica e al gusto.
 

 

Rispondi