Gnocchi mediterrOnei – mediterranei, terroni ed erronei

Gnocchi mediterrOnei” non è un errore di battitura, ma un compendio della natura di questa preparazione, nata da uno degli innumerevoli conflitti che costellano da sempre la mia vita da figlia.

Mia madre, piemontese con ascendenze valdostane e francesi (ma secondo me c’è anche qualche tedesco, o almeno un austriaco), è una donna solida, severamente lineare, piena di virtù, tra le quali tuttavia non annovera le capacità culinarie.

Il mondo gastronomico le è del tutto sconosciuto. In compenso conosce alla perfezione le modalità di scongelamento dei surgelati, i tempi di cottura dei piatti pronti e la temperatura ideale per riscaldare i vassoi del take-away.

L’universo alimentare della mia adolescenza è costellato di sofficini-bastoncini-sorrisini, polpettone e rustici della rosticceria, oltre a non meglio identificate pietanze dall’aspetto inquietante, provenienti dalle trattorie dei dintorni.

A sedici anni avevo già la gastrite.

A diciotto, con la scusa dell’università, ma in realtà per puro istinto di sopravvivenza, sono fuggita a 800 chilometri di distanza, e a) sono dimagrita di 12 chili b) sono guarita dalla gastrite c) ho imparato a cucinare.

In tutto questo, devo però riconoscere che mia madre aveva i suoi cavalli di battaglia: quei quattro piatti in croce destinati alle occasioni speciali (io non lo ero), che le riuscivano in maniera davvero divina.

Sul brasato al barolo, la polenta al sugo e la panizza vercellese (non ve l’ho detto che è piemontese?) oggi ce la giochiamo più o meno alla pari.

Il mio cruccio rimangono gli gnocchi. Non sono mai riuscita ad eguagliare i suoi.

Così, complice la sfida MTC59, basata sugli gnocchi di patate come decretato dalla vincitrice della sfida precedente,  Annarita Rossi del blog “Il bosco di alici“, decido di coinvolgere la genitrice nel gioco e prepararli sotto i suoi occhi (lei non può nemmeno toccarli perché ha scoperto da qualche mese di essere celiaca) e con le sue indicazioni, per cercare di carpire il segreto.

Perché stavolta l’MTChallenge non è l’unica sfida che voglio vincere.

E qui devo ripetere pari pari la lezioncina di mia madre.

Le patate devono essere asciutte, non novelle, a pasta bianca

Ecco. Quindi utilizzerò le patate della Sila IGP che sono sode e compatte grazie alle particolari condizioni climatiche in cui crescono.

E’ meglio lessarle sbucciate, tagliate a pezzi e con il sale, così rilasciano l’amido. Poi si asciugano bene e gli gnocchi restano più scioglievoli”.

Il segreto della morbida scioglievolezza mi mancava, però la ricetta della sfida prevede la cottura delle patate intere. Così opto per la cottura in microonde che faciliterà il compito. Ho qualche piccolo dubbio in merito, perché penso che il punto di forza degli gnocchi materni era proprio quella capacità di mantenersi sodi in cottura per poi liquefarsi al primo contatto tra lingua e palato, ma procedo.

gnocchi mediterronei

Noooooo!!!! Stai sbagliando!” “Mamma devo fare così” “Ma è sbagliato!” “Ok, ma devo fare così” “Se sbagli non saranno come i miei!” “Pazienza, devo fare così” “Sono erronei!” “Va bene, saranno gnocchi mediterrOnei” e avanti all’infinito, o almeno fino a cottura delle patate.

Si sbucciano calde“. “Scottano.” “Fa nulla, scottati, ma sbucciale calde“.

Con l’aiuto di una forchetta e di un coltello le sbuccio, sacramentando in aramaico antico.

gnocchi-mtc-4

Passale al setaccio e sparpagliale sulla spianatoia, poi metti il sale e le lasci raffreddare“. “Uso lo schiacciapatate” “Non è la stessa cosa” “Uffamachimelohafattofare”

gnocchi-mtc-6

“Bene, poi quanta farina aggiungo?” “Quanta ne prendono”.

Quando sento o leggo questa frase mi viene sempre da piangere. “Quanta ne prendono” Per arrivare dove?

gnocchi-mtc-7

Mentre la disperazione avanza, recupero le istruzioni di Annarita e preparo un 20% di farina. Poi, dalla figura rigidamente seduta nella poltrona e circondata da un alone di gloria e sapienza, arriva l’illuminazione divina: “L’impasto deve essere morbido, ma compatto. Fai un rotolo e lo poggi sul palmo della mano: se ricade ai lati senza rompersi, va bene”.

E questa è la genialata del secolo.

gnocchi-mtc

CHE NON TI VENGA IN MENTE DI AGGIUNGERE L’UOVO!”

Perdonate il carattere maiuscolo, ma il tono era quello. Uovo, io? Giammai. Anatema su di me.

Ora è facile, fai i rotolini, li tagli a tocchetti e li fai rotolare premendoli con il pollice sul retro della grattugia, o sui rebbi di una forchetta”.

gnocchi-mtc-1

Eh, no. Adesso torna fuori la mia calabresità acquisita e gli gnocchi li striscio sul “crivo”!

Sei proprio diventata terrona“. “Si, e me ne vanto”.

Il crivo, per chi non lo sapesse, è un cesto dalle sponde basse, realizzato con giunchi intrecciati a maglia larga, che viene utilizzato come setaccio, per essiccare alimenti al sole, o, giustappunto, per dare forma agli gnocchi.

gnocchi-mtc-2

Ora li cuoci, quando salgono a galla sono pronti“. Finalmente una certezza.

Già, ma come condirli, questi gnocchi mediterrOnei?

Recentemente ho partecipato a diversi eventi basati in particolare sulla dieta mediterranea. Per cui penso a qualcosa di veramente solare, fresco e gustoso, con i sapori del mio amato Sud. Ed eccovi il risultato.

Gnocchi mediterrOnei – mediterranei, terroni ed erronei

Gnocchi mediterrOnei – mediterranei, terroni ed erronei

Ingredienti

  • Ingredienti per 4 persone:
  • Per gli gnocchi
  • •500 g di patate
  • •Farina 00 q.b.
  • •Mezzo cucchiaino di sale.
  • Per il condimento
  • •200 g di burrata
  • •Un peperoncino piccante
  • •40 ml di panna fresca di latte
  • •Uno/due pomodori “cuore di bue”
  • •100 ml di olio di semi di girasole
  • •1 g di agar agar
  • •12 foglie di basilico fresco grandi ed intatte
  • •Olio per friggere

Istruzioni

  1. Procedimento:
  2. Per gli gnocchi
  3. Sbucciate e tagliate a pezzi le patate, mettetele in un contenitore per microonde, bucherellatele e coprite con pellicola bucherellata o con un coperchio. Cuocete al massimo della potenza per 8/10 minuti, dipende dalla grandezza. Controllatele ogni tanto e rigiratele almeno una volta.
  4. Scolate le patate, asciugatele con carta da cucina o un canovaccio, passatele al setaccio formando un mucchietto sulla spianatoia e lasciatele intiepidire.
  5. Iniziate ad aggiungere la farina, fino ad ottenere un panetto malleabile, che non si sfaldi.
  6. Ricavatene dei rotolini dello spessore di un pollice, poi tagliateli a tocchetti.
  7. Portate a bollore abbondante acqua ed immergervi delicatamente gli gnocchi: non appena salgono a galla scolateli con una schiumarola e conditeli direttamente nei piatti.
  8. Per il condimento
  9. Versate 150 ml di olio di semi di girasole in un bicchiere e mettetelo in frigo per almeno due ore.
  10. Spremete il succo dei pomodori “cuore di bue” (se non avete l’estrattore va benissimo un comune spremiagrumi) e filtratelo con un colino a maglie strette. Dovrete ricavarne circa 100 ml.
  11. Aprite il peperoncino, togliete i semi e metteteli da parte. Lasciate la parte esterna del peperoncino in infusione nell’acqua di pomodoro.
  12. Sciogliete l’agar agar nell’acqua di pomodoro e portate ad ebollizione.
  13. Spegnete e lasciate raffreddare per un paio di minuti.
  14. Con una siringa senza ago, o un contagocce, prelevate un po’ di liquido e lasciatelo cadere nell’olio che avete raffreddato in frigo. Si formeranno delle sfere solide. Prelevatele senza farne accumulare troppe e sciacquatele velocemente in acqua fredda.
  15. Setacciare la burrata con la panna, aggiungendo i semi del peperoncino e un pizzico di sale.
  16. Lavare ed asciugare bene le foglie di basilico, poi passarle velocemente in olio bollente, per renderle croccanti.
  17. Coprire il fondo del piatto con la crema di burrata, porvi gli gnocchi, guarnire con le perle di pomodoro e il basilico fritto e servire.
https://www.eatparadeblog.it/gnocchi-mediterronei/

“Non saranno sicuramente come i miei” “No, mamma, sono i miei gnocchi mediterrOnei e sono più buoni!”

Per l’MTChallenge n° 59 da EatParadeBlog

banner_sfidadelmese59

 

22 pensieri su “Gnocchi mediterrOnei – mediterranei, terroni ed erronei

  1. Che ridere, nonostante l’austera madre tu hai sviluppato un notevole senso dell’umorismo . Sei brava e se gli gnocchi non saranno quelli di tua madre pazienza, come dici tu, sono i tuoi e sono più buoni. ottima la dritta sull’impasto, questa me la segno proprio. Il condimento mi piace proprio tanto sia per il gusto che per la tecnica. Bravissima.

    1. Ecco uno dei due commenti che temevo (l’altro, chettelodicoaffà, è quello della Van Pelt). Ho scampato il primo e ti ringrazio per la tua ricetta che è riuscita alla grande. Mia madre rosica perché non può assaggiarli, ma magari ne hai anche una per sglutinati? Bacio.

      1. Le sgutinate del gruppo hanno usato mix di farine senza glutine per pane e gli gnocchi sono venuti benissimo, prova con farina di riso e fecola, quando fanno quella cosa lì della prova che ti ha insegnato tua mamma vanno bene.

  2. Sarà perché hai utilizzato il setaccio in vimini che gli ha conferito quelle righe bombate, sarà che hai chiacchierato in aramaico antico con le patate calde (io ho nominato i Santi dal 1 gennaio al 31 dicembre, bisesto incluso) ma ti sn venuti bellissimi. Pensa che io stavo per riempire i miei con la nduja, poi ho optato per l’utilizzo di tutti gli ingredienti del gateau… cmq qua sopra tra le suggerite ho intravisto quelli ripieni al Praga… e ora passo là. Ma cmq evviva gli gnocchi terroni!

  3. Saranno terroni ed erronei e tua madre ha sbraitato per come li hai fatti, ma li mangerei subito, cavolo se li mangerei!

  4. mia madre è come la tua, solo che i suoi cavalli di battaglia sono solo… 1 il polpettone di carne con scamorza pinoli e uvetta che faceva mia nonna!
    Quindi tutto quello che so di cucina mi è stato tramandato dalla nonna paterna!
    I tuoi gnocchi mi piacciono molto complimenti!
    Interessante proposta!

    1. Devo dare ai familiari il tempo di riprendersi (tre giorni di gnocchi sono troppi per chiunque), ma i primi che farò sono i tuoi con gorgo, speck, mele… l’altra faccia dello gnocco 😀

  5. Sei stata bravissima, oltre che a preparare gli gnocchi, a descriverne la preparazione facendoci immaginare la scena come se fossimo lì presenti. Complimenti per il post e per la tua ricetta!!

  6. Conosco già il tuo umorismo ma mai mi avevi data ridere così! Un ping pong che credo ci sia in tutte le case…e stendiamo il famoso velo 😉 Ma a dispetto di poco velate critiche materne scotimenti di testa ecco che arrivano questi gnocchi invitantissimi, con panna e burrata che vengono compensati dal peperoncino. Da provare!

  7. Il crivo ce l’ho !!!!! però mi manca il tempo per farel’altra ricetta…certo che tua mamma è una bella peperina, si capisce da chi hai preso ! Adoro i piatti dove si mescolano sapientemente varie culture gastronomiche, come questo. Bravissima !

  8. Ok, adesso basta con tutto ‘sto vociare di terroni inside e outside, per nascita e per vocazione, che arriva il mio quarto piemontese e cala il silenzio 🙂
    Allora.
    Come sempre quando passo di qua, il rischio che la ricetta finisca in secondo piano e’ forte, perche’ mi godo a tal punto i tuoi post e la tua ironia che poi sto in una specie di pace olimpica, riconciliata con l’universo mondo del web, che se anche ci fosse una sbobba impresentabile finirei per non accorgermene. Solo che non c’e’ mai nulla di simile, anzi: sempre grandi prove, molto pensate e molto ben eseguite.
    Stavolta devo fare la cattiva e quindi mi son presa un caffe’, fra la prima parte e la seconda, anche se davvero c’e’ poco da dire. L’unica nota e’ la gelificazione del pomodoro che chiama l’alta cucina. Mentre io sugli gnocchi ci vedo giusto quella colata di burrata della foto, quella golosita’ che spazza via i cerebralismi, i retrogusti, le sfumature, il “degusto” anziche’ “mangio a quattro palmenti”. Una dadolata di pomodoro fresco, per dire, l’avrei vista meglio. Ma forse e’ l’astinenza che patisco qui 🙂
    Bravissima, sempre!

    1. Ecco, lo sapevo, per una volta che volevo fare la cheffa d’alto rango… Che posso dirti, se non che hai ragione? Magari questi tocchi particolari vanno meglio su piatto meno “rustici”. Però a me anche lo gnocco piace raffinato (per dire: tenetevi Brad e datemi Bradley) 😀 Grazie Ale, preziosa e gratificante :*

Rispondi