Ile flottante, l’isola che non c’era e ora c’è.

L’ile flottante è un dolce deliziosamente scenografico, ma piuttosto inconsistente.

Dunque, c’è una crema inglese e c’è un albume cotto. Si, insomma, tutto qui. Interessanti, sono invece tutte le possibili variazioni di gusto e colore.

Quando la preparai la prima volta, nella versione originale, mio figlio osservò: “c’è il lago, c’è una nuvola, ma l’isola dov’è?”. Già, dov’è? Forse avvolta nella nuvola? Forse non ancora emersa? Fatto sta che manca, effettivamente, la consistenza della terra. Così l’ho aggiunta, per la gioia di mio figlio che ha qualcosa da mettere sotto i denti.

Ile flottante in terra di cacao, su lago di crema inglese alla menta.

Ingredienti:

  • 2 uova
  • 2/3 fette di pane raffermo
  • due cucchiai di sciroppo di menta
  • mezzo litro di latte
  • qualche foglia di menta fresca
  • 80 gr. di zucchero
  • un cucchiaino di cacao
  • una noce di burro

Sbriciolate la mollica del pane e miscelatela con un cucchiaino di zucchero ed il cacao.

Rosolate la mollica nel burro, poi sistematela in un coppapasta rotondo al centro del piatto in cui servirete il dolce e lasciate raffreddare.

Montate gli albumi a neve ben ferma con un cucchiaino di zucchero.

Portate a bollore il latte, formate con gli albumi montati una nuvoletta, aiutandovi con un cucchiaio e poggiandola su un mestolo forato ed immergetela per 4/5 minuti nel latte bollente. Lasciatela raffreddare.

Sbattete a crema i due tuorli con 60 gr. di zucchero.

Prelevate 200 ml. dal latte che avete utilizzato e riportatelo a bollore.

Versatevi i tuorli montati con lo zucchero e mescolate bene con un frustino, fino a raggiungere la densità voluto (deve essere piuttosto soda).

Appena la crema intiepidisce, aggiungete lo sciroppo di menta ed amalgamate bene.

Togliete il coppapasta, disponete la crema alla menta tutt’intorno all’ile flottante, disponetevi sopra la nuvoletta di albume cotto e guarnite con foglie di menta.

E l’isola che non c’era, ora c’è, con buona pace del pargolo e di Peter Pan.

Con questa ricetta, tra l’altro, ho partecipato al Re-Food Contest   di YouCook.

 

La mia pagina su Facebook: EatParadeBlog

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rispondi