Innamorati dell’olio: Pietro Coricelli, l’oro liquido

 Innamorati dell’olio: un’esortazione, con l’accento sulla “o”.

E innamorati, con l’accento sulla “a”, lo sono nell’azienda di Pietro Coricelli.

Ma, per innamorarsi, bisogna conoscere. E noi, quanto sappiamo di questa nostra indiscussa ricchezza nazionale?

Per scoprirlo, bisogna rivolgersi a chi dell’olio ha fatto una ragione di vita, prima ancora che un’industria fiorente ed affermata: Pietro Coricelli, che dal 1939 produce con cura ed attenzione olio sopraffino e di qualità.

dove-siamo

Per molto tempo ho viaggiato tra Calabria ed Umbria e ricordo bene una trattoria presso la quale mi fermavo a mangiare, alle porte di Perugia. Sul tavolo era sempre presente l’oliera (una bottiglia vera e propria) ed il cestino del pane.

Il pane era fragrante, squisito e senza sale: esattamente ciò che ci voleva per valorizzare il gusto amarognolo e leggermente piccante di quel magnifico olio denso e brillante, che ho poi scoperto si trattasse proprio dell’olio Coricelli, prodotto sulle colline vicino Spoleto, da olive Leccino e Moraiolo.

olivetop

Sapevate che l’amaro ed il piccante sono rivelatori della bontà dell’olio? Non andate alla ricerca di olii trasparenti, insapori, inodori: il vero olio buono è saporito, non si nasconde, ma regala sapore alle pietanze.

olive

Un cucchiaio al giorno, nella dieta mediterranea, aiuta e fa bene. Ricco di lipidi, favorisce l’aumento del colesterolo “buono”, è energetico, antiossidante ed emolliente.

alleato1

Tra l’altro, è ideale anche per le fritture. Quando friggiamo, arriviamo tra i 165 e i 185°. L’olio, ad una certa temperatura, raggiunge il cosiddetto “punto di fumo”, sprigionando acroleina, diventando tossico. L’olio di semi di mais e di girasole, spesso utilizzati perché ritenuti “leggeri”, hanno un punto di fumo intorno ai 135°. L’olio di oliva arriva tranquillamente a 210°. Se non è oro questo!

Dalla raccolta alla frangitura, dalla gramolazione alla separazione, dal filtraggio all’imbottigliamento, tutto il processo produttivo può essere seguito in diretta presso l’azienda di Pietro Coricelli, per constatare dal vivo quanto amore ci sia in tutto ciò che viene fatto. Uno spettacolo che incanta, ricco di aromi e colori: quando finalmente esce il primo getto di olio nuovo, sembra davvero oro liquido, luminoso e splendente.

Ma non è tutto qui: l’azienda Coricelli, che esporta in ben 108 paesi, produce anche altri tipi di olio: da quello di vinaccioli a quello di riso, agli olii aromatizzati, a quelli particolari come l’olio di avocado, o quello di argan.

olii-storia_05

Insomma, un tesoro prezioso che va conosciuto profondamente. E quando lo si conosce non si può non esserne innamorati.

Per imparare tutto ciò che c’è da sapere, vi invito a visitare la pagina Facebook di Pietro Coricelli:  uno degli ultimi posto spiega, ad esempio, come leggere l’etichetta dell’olio.

Sul sito ufficiale troverete anche molti consigli e ricette.

Ora, chi mi conosce bene sa che se pubblicizzo un marchio o un’azienda in particolare è perché ci credo.

E credo che quando avrete scoperto tutti i suoi segreti sarete anche voi innamorati dell’olio!

 

Rispondi