Cannolo di pasta fritta alla Norma… fuori norma

Sul Calendario del Cibo Italiano oggi è la giornata della pasta alla Norma.

Nell’articolo sul sito trovate la storia del piatto, la sua preparazione tradizionale ed anche quella, un po’ trasgressiva ed eretica, ideata da noi: un cannolo di pasta fritta alla Norma.

Non ce ne vogliano i puristi: la ricetta originale è tutt’altra cosa e non ci permetteremmo mai di infangarne il nome. Abbiamo solo voluto divertirci un poco con una variante quasi da buffet.

Perdonateci e gustatela, se vi va. Ecco la ricetta.

Cannolo di pasta fritta alla Norma

Per 4 persone

400 g di spaghetti
una melanzana da 300 g circa
500 ml di passata di pomodoro
250 g di ricotta pecorina fresca
50 g di ricotta stagionata grattugiata
Sale, pepe nero macinato al momento
uno spicchio di aglio
1 o 2 peperoncini dolci o piccanti, a piacere
un pizzico di fiori di finocchietto selvatico
Olio di semi di girasole per friggere

Soffriggete brevemente lo spicchio di aglio pulito e il peperoncino in olio, poi schiacciateli e toglieteli.

Tagliate le melanzane a dadini piccoli e friggetele dopo averle asciugate bene.

Rosolate anche qualche buccia di melanzana che userete come guarnizione.

Scolate le melanzane e versate nell’olio la passata di pomodoro.

Salate e lasciate asciugare a fuoco lento.

Lessate al dente gli spaghetti in acqua leggermente salata.

Arrotolateli intorno ad uno stampo per cannoli, poi avvolgete strettamente il cannolo con carta da forno.


Friggete i cannoli in abbondante olio (devono essere completamente immersi) per 3-4 minuti e lasciateli raffreddare.

Setacciate la ricotta fresca e amalgamatela alla ricotta grattugiata, ai fiori di finocchietto e al pepe nero.

Unite al composto i dadini di melanzane e farcite i cannoli.

Versate nel piatto un cucchiaio di salsa di pomodoro ben calda e sistematevi i cannoli, guarnendo con fiori di finocchietto e le bucce di melanzana fritte.

Il cannolo di pasta fritta alla Norma offrirà un piacevolissimo contrasto la la salsa calda e la pasta fredda e croccante, che si ammorbidirà a contatto con il calore. Provate e fateci sapere.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.