Cavoletti di bruxelles con salsa di soia

Cavoletti di Bruxelles

Cavoletti di Bruxelles: era da tanto che non li mangiavo più.

Sarà che non li vedevo spesso in giro, e quando li trovavo, puliti, lucidati ed incellofanati, avevano prezzi proibitivi. Poi ho incontrato un contadino che, bontà sua, li coltiva, così posso acquistarli a prezzo ragionevole ed a chilometro zero. Pieni di virtù e di benefici effetti, hanno il vantaggio di essere veloci da preparare e facili da pulire.

I cavoletti di Bruxelles (Brassica Oleracea Gemmifera) sono della stessa famiglia di verze, broccoli e cavolfiori, ma, a differenza loro, non sono il fiore, bensì il germoglio della pianta.

Ogni pianta ne produce decine. Ne esistono diverse varietà e, adattandosi bene ai climi freddi, è molto coltivato nel Nord Europa.

I cavoletti di Bruxelles contengono alte quantità di vitamina C e betacarotene, oltre a sostanze antiossidanti. Questo fa si che vengano annoverati tra gli alimenti utili alla prevenzione del cancro.

Pe utilizzarlo in cucina si lava accuratamente e si tolgono le foglie esterne, esattamente con i suoi “parenti” più grandi.

E’ molto gustoso preparato in maniera semplice, anche solo lessato brevemente e condito come insalata, o gratinato in forno. Ottimo anche negli spiedini.

Ingredienti per 4 persone:

  • una ventina di cavoletti,
  • salsa di soia,
  • olio extra vergine di oliva,
  • un pizzico di pepe bianco,
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato.

Eliminate le foglie esterne dei cavoletti, tagliateli a metà e sciacquateli bene.

Scottateli per 5 minuti in acqua bollente poco salata.

Emulsionate la salsa di soia con l’olio ed il pepe.

Infilzate i mezzi cavoletti su spiedini in acciaio, cospargeteli più volte con il condimento per essere certi che l’abbiano assorbito all’interno.

Riscaldate bene la piastra per grigliare, ed arrostite gli spiedini 5 minuti per parte.

Cospargeteli, ancora caldi, con il parmigiano (se preferite un sapore più intenso, usate un buon percorino stagionato, tipo QUESTO.

Ecco un contorno gustoso e salutare!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.