ciambelle di zucca

Ciambelle di zucca: gli zuccarielli

Le ciambelle di zucca sono nate pensando ai cullurielli.

L’impasto base dei cullurielli è simile a quello degli gnocchi: patate, farina e sale. L’unica differenza è l’aggiunta del lievito.

Ora, mi sono detta, se gli gnocchi si possono fare anche con la zucca al posto delle patate, perché non provare a realizzare anche queste ciambelle?

Potrei chiamarli zuccarielli, magari.

Detto, fatto. Ho seguito la ricetta tradizionale della mia vicina di casa, con lievito di birra per non rischiare troppo.

Il risultato è stato davvero sorprendente, tanto che conto di rifarle a breve con il lievito madre. Vi saprò dire.

Intanto, godetevi i miei zuccarielli, o ciambelle di zucca.

Gli ingredienti sono indicativi, nel senso che possono variare molto a secondo della qualità della zucca, dell’umidità della farina e via dicendo. Regolatevi in base all’impasto, che deve essere morbido e leggermente appiccicoso.

Avendo tempo a disposizione, potete diminuire la quantità di lievito di birra ed allungare la lievitazione, ma non troppo: rischiate che la zucca inacidisca.

E’ possibile preparare le ciambelle di zucca anche in versione dolce, aggiungendo un cucchiaino di zucchero all’impasto e diminuendo il sale ad un pizzico (non eliminatelo totalmente) e cospargendole di zucchero ancora calde.

Molto appetitosa anche la versione piccante, con un pizzico di peperoncino.

Per la frittura io utilizzo olio extra vergine di oliva. In alternativa, vi consiglio olio di semi di girasole.

E passiamo all’esecuzione.

[amd-zlrecipe-recipe:19]

Trovate gli zuccarielli, insieme a tante altre ricette, curiosità e notizie anche sulla pagina Facebook: EatParadeBlog

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.