Giurgiulena, il croccante di sesamo

Giurgiulena
Vai alla ricetta

Nell’era della globalizzazione, la parola d’ordine è: multietnico.

In ogni settore sembra iniziata la gara a chi è più “inclusivo”, ogni città e nazione, ogni settore lavorativo e artistico, pubblica a manetta grafici e tabelle da cui si evincono le percentuali di multirazzialità, quasi fosse un qualcosa di speciale, di cui andare fieri, quando dovrebbe essere la normalità.

In Calabria la multietnia E’ la normalità, da sempre. Invasa dai quattro punti cardinali da tutti gli invasori possibili e anche da quelli inaspettati, la popolazione calabrese si è adattata a convivere con popolazioni di ogni provenienza e ha imparato a prendere il meglio da ognuna.

Questa immensa ricchezza si riscontra nel linguaggio, nell’arte, nella religione e soprattutto nella cucina.

Un esempio lampante è in molti dolci entrati a far parte della tradizione. Protagonista di oggi è la giurgiulena.

Il nome deriva dall’arabo ǧulǧulān che vuol dire seme di sesamo, ingrediente principale di questo croccante, al quale si aggiungono mandorle e miele.

Ecco il procedimento, tratto dal libro “Cucina calabrese – ricette sapori sagre” al quale ho contribuito con le mie ricette.

 

Giurgiulena

 

 

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.