indivia

Indivia belga ripiena cotta sottovuoto

L‘indivia l’ho sempre mangiata soltanto grigliata, confesso.

Non è un prodotto molto presente nel mio carrello della spesa, ma devo riconoscere di averla sottovalutata.

Poi è successo che me la sono trovata nel piatto in un ristorante di Malta, ed è stato il Doc a farmela notare: “ma questa è quella che si chiama indivia?”. Si, perché inizialmente io non avevo nemmeno fatto caso a quelle foglie bianchicce, morbide, chiaramente lessate, che accompagnavano un cinghiale al passito da delirio.

Incuriosita, ho messo da parte un attimo (molto a malincuore, devo dire) il cinghiale e ho dedicato la mia attenzione all’indivia, o presunta tale.

Si, era lei, indiscutibilmente. E chiaramente stufata, con dei pomodorini minuscoli accompagnati da capperi delle stesse dimensioni.

L’ho assaggiata ed è stata una rivelazione. Così ho deciso che sarà molto più presente nella mia cucina, anche perché è depurativa, dietetica, ricca di vitamine e di acido folico.

Della stessa famiglia del radicchio, ha un sapore leggermente amarognolo che la rende particolare.

Ovviamente, non potevo certo replicare la ricetta del ristorante maltese, per cui ho deciso di invantarmi qualcosa di diverso.

In visita al fornitore di ortofrutta bio, l’ho vista e presa al volo, senza pensare lì per lì alla sua destinazione finale, così alla fine mi sono arrangiata con i classici “avanzi di frigorifero”.

Però, per non sprecarne il sapore e le qualità nutrizionali, ho deciso di prepararla sottovuoto, con il mio amato #sousvideAlladin.

Se non ne siete ancora muniti, potete cuocerla semplicemente in una teglia, in forno. In questo caso, però, necessiterà di maggiore condimento e di una sorveglianza attenta e parte dei benefici si perderanno.

Ecco la ricetta, per 4 persone:

[amd-zlrecipe-recipe:20]

Come avete letto, è molto semplice da fare e sostituisce un pasto completo.

Trovate l’indivia belga ripiena, insieme a tante altre ricette, consigli e notizie, anche sulla pagina Facebook: EatParadeBlog

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.