Mostaccioli calabresi al miele

Durissimi biscotti “spaccadenti”, ma straordinariamente buoni, i mostaccioli calabresi al miele si preparano, tradizionalmente, per San Giuseppe, che è una ricorrenza molto sentita in Calabria.

In questo periodo si svolgono ovunque fiere e mercati, e i mostaccioli calabresi si trovano in vendita sui banchetti appositi, e sono di svariate forme, principalmente pesci e figure femminili, decorate con pezzettini di carta metallizzata colorata.

  • La preparazione è semplicissima: bastano tre soli ingredienti: pari peso di farina 00 e miele, e liquore all’anice per diluire.
  • Indicativamente, per 200 gr. di farina ed altrettanti di miele, ci vogliono due cucchiai di liquore per ottenere un impasto consistente e compatto, ma lavorabile.

Si stende l’impasto allo spessore di un centimetro circa, e si ritaglia a piacere.

Si adagiano i mostaccioli calabresi su una placca da forno imburrata o su un foglio di silicone, e si infornano a 160° per 30 minuti.

Si lasciano raffreddare bene, poi si conservano in una scatola di latta.

Conviene attendere qualche giorno prima di consumarli, per dare all’impasto il tempo di ammorbidirsi.

Trovate i mostaccioli calabresi ed altre ricette, notizie, eventi,  anche sulla mia pagina  FB

4 pensieri su “Mostaccioli calabresi al miele

    1. Ciao cara! So che ci sono varianti con le uova e anche con il lievito. Sarebbe interessante confrontarle, che ne dici?

  1. Ciao wow, che bontà io li adoro!! Solo una domanda come liquore all’anice posso usare l’ANICE TUTONE? O conviene la Sambuca?
    Grazie

    1. E’ molto alcoolico, per cui ti conviene allungarlo con acqua, oppure portarlo a bollore e poi raffreddarlo. Qualcuno usa anche il vermouth, puoi provare se vuoi. La sambuca no, direi che cambia troppo il sapore. Grazie per la visita!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.